Crea sito

Acceglio – Borgo Villa

Acceglio – Veduta
Acceglio in estate
StatoItalia
RegionePiemonte
ProvinciaCuneo
Amministrazione
SindacoGiovanni Enrico Caranzano dall’ 11-06-2018
Territorio
Coordinate44°29′N 6°59′ECoordinate: 44°29′N 6°59′E (Mappa)
Altitudine1 220 m s.l.m.
Superficie151,53 km²
Abitanti156 (30-11-2019)
Densità1,03 ab./km²
FrazioniBargia (1401 m), Chialvetta (1494 m), Chiappera (1614 m), Colombata (1576 m), Frere (1196 m), Gheit (1372 m), Lausetto (1510 m), Ponte Maira (1404 m), Pratorotondo (1639 m), Saretto (1533 m), Villaro (1375 m)
Comuni confinantiArgentera, Bellino, Canosio, Larche (FR-04), Meyronnes (FR-04), Prazzo, Saint-Paul (FR-04)
Altre informazioni
Cod. postale12021
Prefisso0171
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT004001
Cod. catastaleA016
TargaCN
Cl. sismicazona 3A (sismicità bassa)
Cl. climaticazona F, 3 803 GG
Nome abitantiaccegliesi
Patronosanta Maria Assunta
Giorno festivo15 agosto

Geografia fisica

Acceglio è l’ultimo paese della Valle Maira; è circondato da alte vette, facenti parte delle Alpi Cozie, a volte superiori a 3000 m (come il Brec de Chambeyron), alcune poste sullo spartiacque con la confinante Francia. Il comune è situato sulle sponde del fiume da cui prende nome la valle, là dove va ampliandosi, suddividendosi in una serie di valloni circostanti.

Il nome Acceglio

Secondo alcuni studiosi deriverebbe dal latino ad cilium o da forme preceltiche tipo ocelum o oscelum, il cui significato è molto probabilmente “posto in alto”. Per la prima volta lo troviamo menzionato con il nome di Cilio in un documento del 1028, un elenco di terre della Valle Magrana donate dal marchese di Susa Olderico Manfredi al monastero di Caramagna.

Storia di Acceglio

Fin dall’epoca longobarda vi operarono i monaci della potente abbazia di San Colombano di Bobbio ed al suo ricco feudo reale ed imperiale monastico, cui dipese l’abbazia di San Dalmazzo di Pedona, che amministrava tutto il territorio del comitato di Bredolo cui era inserita anche la val Maira, mentre in seguito dall’VIII secolo la gestione della vallata sarà poi organizzata dall’abbazia di Villar San Costanzo.

Agli inizi del XIII secolo il comune entra a far parte dei possedimenti del marchesato di Saluzzo, costituendo con i dodici comuni della valle superiore di Macra una specie di repubblica libera. Formalmente la comunità riconosceva la protezione del marchese, cui pagava i tributi, ma ad essa venivano concessi le franchigie e di volta in volta confermate le libertà e i diritti che derivavano dalle buone consuetudini, di fatto consentendole una notevole indipendenza.

Nel XVI secolo il comune venne a far parte del dominio francese, assieme all’intero marchesato, divenendo uno dei centri più importanti del calvinismo. Con il pretesto del sorgere e del dilagare “dell’eresia calvinista”, il duca Carlo Emanuele I di Savoia si impadronì del territorio e dopo condanne a morte da parte dell’inquisizione, assedi e sollevazioni popolari, riuscì a costringere la maggior parte della popolazione all’abiura e gli irriducibili all’esilio. Qualche anno più tardi il duca darà il borgo in contado alla famiglia Taffini di Savigliano.

Fin dai tempi più remoti la maggior parte dei rapporti avveniva con le vallate d’oltralpe. Non solo quelli, visto che l’intendente dei Savoia, nel 1753, lamentava di non poter porre fine ai “commerci in frode” esercitati dai circa 2.000 accegliesi dell’epoca “perché troppe sono le strade che conducono fuori dal paese”.

Lo sviluppo e la storia del paese hanno sempre avuto un ruolo importante grazie alla sua posizione di confine, che raramente è stato considerato tale e quasi sempre in occasione di scontri militari: lo fu sia in occasione nella guerra tra Spagna e Francia che durante le campagne napoleoniche e tornò ad esserlo nel 1940 quando l’artiglieria alpina salì al Colle del Maurin per contrastare le truppe francesi. Ancora nel 1944 venne superato dai partigiani italiani e dai maquis francesi che si incontrarono nella frazione di Saretto per firmare un trattato di alleanza.

Il Medioevo

Nonostante gli sconquassi e le devastazioni del passato, Acceglio ha mantenuto intatto il suo impianto medioevale: così a Chialvetta, Chiappera, Unerzio, Villaro, Ponte Maira e Saretto, si ritrovano le mura in pietra, i tetti in lose sostenuti da grosse travi in larice e case unite spesso da passaggi coperti, con soffitti in legno, che servivano a proteggere i percorsi quotidiani e offrire riparo durante il lungo periodo invernale.

Vi si possono ritrovare preziosi e antichi portali, finestre in pietra, spesso scolpite, fontane con têtes coupées, affreschi votivi, presenti anche nelle località più piccole ed isolate.

Monumenti e luoghi di interesse

Il centro di Acceglio, chiamato La Villa, è il luogo che più di ogni altro nella zona ha subito nel tempo le diverse distruzioni e rimaneggiamenti e che ha conservato meno delle sue origini medioevali. Su di una roccia sopra l’abitato sono individuabili i ruderi del Castello quattrocentesco, detto anche “forte della torre”, per via di una massiccia torre quadrata, così come di ruderi, assai pochi, del Convento dei Cappuccini, fondato per combattere il dilagare del Calvinismo nel borgo. L’adiacente Chiesetta di San Defendente tuttora non è più officiata.

Si nota ancora la traccia di antichi e signorili palazzi con bifore e capitelli scolpiti; un edificio che è giunto fino ai giorni nostri in buon stato di conservazione è la seicentesca Chiesa della Confraternita dell’Annunziata, con tutti gli arredi e paramenti sacri utilizzati nelle funzioni religiose. In una nicchia posta sotto l’altare è possibile osservare un affresco raffigurante la Pietà, la cui collocazione fa ipotizzare l’esistenza di un’antica cappella inglobata successivamente nella costruzione.

Cartoline storiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.